Il trend della barba dopo il Royal Wedding

Si è parlato tanto della barba del principe Harry al Royal Wedding, ma noi, che con la barba ci conviviamo da anni, non ci abbiamo dato molto peso. Adesso, però, ci siamo ritrovati a fare qualche riflessione in proposito.

Infatti, che uno come il principe Harry si sposi con la barba, non è solo gossip per riempire le pagine di riviste e i servizi di cronaca rosa, quando uno come lui fa crescere la barba è in grado di smuovere l’intera economia di un settore.

Grazie a lui si parla di rinascita della barba, poiché dal Royal Wedding, secondo i dati di IRI, agenzia che raccoglie dati di vendita sul mercato UK, i prodotti per uomini con la barba hanno avuto un’impennata.

Secondo una ricerca condotta da uala.it, sito dedicato al mondo beauty, anche in Italia c’è stata una crescita: le prenotazioni maschili per trattamenti alla barba e ai capelli sono aumentate e il modello di barba più richiesto è proprio quello del principe Harry.

Per saperne di più e per qualche consiglio interessante, l’articolo completo è su Vanity Fair: vanityfair.it/beauty/trend-beauty/2018/06/25/barba-principe-harry-royal-wedding-tendenze-uomo

barba curata, bella, morbida, folta, corta, lunga, beard, full, short, long, beauty, cura, fashion, health, moda, oil, olio, balsamo, balm, prodotti, routine, salute, shampoo, soap, style, tip, guida, tutorial, baffi, manubrio, mustacchi, moustache, barbacurata, curata, barbershop, Harry, Royal Wedding

Barba: sfide, scommesse e marketing

Qualche anno fa, quando la barba non era ancora così popolare, il nostro amico Dario ne aveva già una lunga e folta. Era divertente vedere le persone offrirgli qualunque cosa pur di convincerlo a tagliarla. Più lui si rifiutava, più le persone si impuntavano e continuavano ad alzare la posta.

Di recente Jared Leto, grande attore e cantante dei Thirty Seconds to Mars, ha annunciato, sui social  e in vari programmi TV, che si raderà se il suo ultimo album “America” arriverà primo in classifica.

Andy Bronkema invece, allenatore di basket della squadra maschile di Ferris State, alcuni giorni fa ha deciso di tagliarsi la barba a patto di raccogliere almeno 1000$ da donare alla ricerca contro la distrofia muscolare, obiettivo, tra l’altro, ampiamente raggiunto.

La barba è spesso protagonista di iniziative e sfide di questo tipo. Quindi, se un giorno vi dovesse venire voglia di tagliare la barba o peggio ancora vi fosse imposto, organizzate qualche evento, rendetelo indimenticabile, mettete un video su YouTube e diventate ricchi con milioni di visualizzazioni. O almeno provate a recuperare due spicci, così potrete comprare degli alcolici e consolarvi quando, senza barba, vi sentirete soli.

Barba Curata - Blog - Marketing