La forza dell’abitudine per curare meglio la barba

Thor insoddisfatto della sua barbaQuest’articolo è sia per chi ha cominciato da poco a far crescere la barba, sia per chi ha già una barba lunga, ma ancora fatica ad avere una routine e a prendersene cura come si deve.

I trucchi di cui andremo a parlare possono essere applicati in diversi ambiti, infatti vengono usati generalmente per aumentare la produttività, migliorare la forma fisica, studiare più efficacemente, ecc. Pensandoci ci siamo resi conto che possono essere molto utili anche per quanto riguarda la cura della barba. 

Innanzitutto diciamo che un’abitudine si crea quando un’azione viene ripetuta molteplici volte. È importante creare un’abitudine perché così l’azione viene compiuta in modo naturale e, per quanto pigri si possa essere, si fa meno fatica. 

Ad esempio, se stai cominciando a far crescere la barba per la prima volta (leggi dei nostri primi insuccessi), probabilmente ti seccherà lavarla, pettinarla, asciugarla, spazzolarla e applicare l’olio. Se ti sforzi di farlo, però, un po’ alla volta diventerà molto più semplice.

Un buon modo per creare una routine è quello di tracciare i propri risultati. Fissa un’azione da compiere tutti i giorni, scrivila su un’agenda, un diario o quello che ti pare e assicurati di spuntarla quando è fatta. Puoi usare anche applicazioni gratuite che ti ricordano cosa devi fare giorno per giorno (noi ci troviamo molto bene con Loop Habit Tracker su Android).

Quando si crea un’abitudine è anche molto importante ridurre al minimo l’attrito. Cosa significa? Che se tieni la spazzola nascosta in un qualche mobiletto nel bagno ti verrà più difficile ricordarti di usarla. Se la tieni in bella vista, invece, davanti allo specchio, quando la vedrai ti sentirai più motivato a dare una bella spazzolata alla tua barba. Stessa cosa vale per l’olio, il balsamo o qualunque altro prodotto.

L’attrito può tornarti molto utile anche in modo inverso. Se, ad esempio, stai cominciando a far crescere la barba e temi di cadere nella tentazione di tagliarla. Liberati di tutte le lamette che hai in casa, butta il rasoio in un armadio dietro una pila di vestiti. Così ti sentirai meno tentato se, in un momento di profondo sconforto, ti passerà per la testa l’idea di darci un taglio.

Uomo con barba e megafonoQuando decidi il tuo obiettivo annuncialo pubblicamente. Il pensiero di rinunciare e ammettere la sconfitta brucerà molto di più se tante persone te lo rinfacceranno senza pietà.

Un altro trucco, quando si vuole creare un’abitudine, è scommettere soldi con qualcuno. Ad esempio, se un giorno non curi la barba, offri una birra a un tuo amico. Sì, puoi anche mentire, ma la tua coscienza non ti farà prendere sonno la notte! Allo stesso modo, se decidi di non tagliare la barba per un anno, scommetti una bella cifra o una cena con qualcuno. I soldi e l’orgoglio per aver perso una scommessa sono sempre ottimi motivatori.

Infine condividi i tuoi risultati. Fallo di persona con chi ti sta vicino, scatta delle foto e mettile su Instagram o inviale alla nostra pagina Facebook. Se il tuo obiettivo è lo stesso di altri diventa molto più facile farsi forza e sostenersi a vicenda. 

Grave Before Shave: ingannati dalle opinioni altrui

Prodotti per la barba di Gave Before ShaveCi è capitato spesso di leggere recensioni e vedere video di persone particolarmente entusiaste per gli olii Grave Before Shave.

Quindi, incuriositi anche dall’etichette così accattivanti, abbiamo deciso di ordinare tre diversi olii di questa marca su Amazon: Cigar BlendGentlemen’s BlendBay Rum.

Prima di tutto, c’è da dire che in Italia sembra non siano così facili da trovare (spesso sono esauriti) e che il prezzo è abbastanza alto, ma tralasciamo questo aspetto per il momento.

Tra i lati positivi di questi olii c’è da dire che mantengono le promesse, cioè idratano, curano la barba e quindi aiutano anche ad alleviare eventuali pruriti. Di base, hanno tutti degli ottimi ingredienti, tra cui: olio di tea tree, olio di albicocca, olio di jojoba, olio di mandorle dolci, aloe vera e vitamina E.

Tra i lati negativi, almeno per noi, c’è il profumo/odore. Può sembrare una sciocchezza, ma avere tutto il giorno sotto il naso un odore poco gradevole non è il massimo. Vediamo nello specifico ognuno di loro.

Cigar Blend

Olio Cigar Blend per barba lunga di Grave Before ShaveIl primo impatto è molto dolce, quasi come di una bevanda gassata, ok, ci può piacere. Appena lo si comincia a strofinare tra le mani, però, si iniziano a percepire delle note di profumo molto stucchevoli. Applicato sulla barba, anche solo poche gocce, non migliora, anzi, si spera evapori il prima possibile, cosa che purtroppo non succede. Il profumo comunque è molto soggettivo, motivo per cui abbiamo deciso di ordinarne tre diversi, tra le lacrime dei nostri portafogli. Per leggere altre opinioni o acquistarlo: amzn.to/2xG1OFn.

Gentlemen’s Blend

Olio Gentlemen's Blend per barba lunga di Grave Before ShavePrimo impatto molto delicato e buono. Strofinandolo tra le mani e applicandolo sulla barba il profumo resta ottimo. Bene, dai, abbiamo trovato quello giusto forse. Peccato che, a differenza del precedente, il profumo di questo è così leggero e svanisce così in fretta che, poco dopo averlo applicato, inizierete a sentire il profumo del sapone con cui avete lavato la barba prima. Per leggere altre opinioni o acquistarlo: amzn.to/2Dlodh5.

Bay Rum

Olio Bay Rum per barba lunga di Grave Before ShaveIl bay rum non è stata una sorpresa, avendo già usato molti prodotti con questo profumo. Dolce, molto buono e abbastanza duraturo. Insomma promosso, ma dovendo proprio fare un paragone, continuiamo a preferire quello di The Gentlemen’s Beard. Per leggere altre opinioni o acquistarlo: amzn.to/2xGY0Dx.

Infine, una cosa comune a tutti e tre, è che, una volta applicati, emanano leggermente quell’odore tipico dell’olio. In conclusione non siamo rimasti molto soddisfatti, complice anche la difficoltà nel trovarli e il prezzo non proprio basso. È molto improbabile che li ricompreremo in futuro.

5 cose che hanno rovinato le nostre barbe

Quando si fa crescere la barba per la prima volta, ma spesso anche quando la si ha ormai da anni, può capitare di rovinarla senza neanche accorgersene. Se non volete commettere i nostri stessi errori di quando eravamo giovani, leggete con attenzione questa lista, forse potete ancora salvarvi!

Toccare la barba

Accarezzare la barba va bene, è uno dei tanti piaceri di cui non si può fare a meno. Il problema è se si insiste in un unico punto, tipo i baffi, e si comincia a tirare e a staccare i peli. Questo comportamento, ripetuto giorno dopo giorno, creerà in quella zona del viso una chiazza dove la vostra barba sarà più rada o addirittura farà fatica a crescere. Quando vi accorgete che lo state facendo, smettete subito, cercate di tenere le mani impegnate, usate una pallina antistress o, meglio, un pettine per sfogarvi.

Prodotti non specifici

I peli della barba sono molto diversi dai capelli, ma non è tutto, anche la pelle sul viso è diversa dal cuoio capelluto. Per questo, ad esempio, si sconsiglia di usare saponi non adatti alla barba che, oltre a seccare troppo i peli, seccano anche la pelle sottostante e di conseguenza la vostra barba ne risentirà ulteriormente.

Uso insufficiente o eccessivo dei prodotti

Come già detto, l’idratazione della pelle e della barba è molto importante, quindi non dimenticate di usare olio e balsamo. L’uso eccessivo non danneggerà la vostra barba, ma le darà un aspetto unto e poco gradevole, dunque cercate di trovare il giusto equilibrio. Per quanto riguarda lo shampoo, invece, sarebbe meglio evitare di usarlo tutti i giorni, ma, se proprio non potete farne a meno, almeno prendetene uno particolarmente delicato.

Il calore

Quando asciugate la barba, se usate il phon, evitate di tenerlo troppo vicino e ad una temperatura troppo alta. Inoltre, considerate che i phon professionali, rispetto ai più economici, asciugano meglio e più velocemente, utilizzando meno calore, quindi c’è meno rischio di danneggiare la barba.

Tagliare troppo o troppo poco

Ovviamente i tagli radicali non fanno bene alla vostra barba, ma neanche le leggere spuntatine in cui vi fate prendere la mano. State attenti soprattutto ai contorni, evitate per esempio di salire troppo con il rasoio quando radete il collo o scendere troppo sugli zigomi e le guance. E, se pensate di risolvere il problema non tagliando mai la barba, be’, sbagliate ugualmente, infatti, nonostante tutti gli accorgimenti, vi ritroverete comunque con qualche doppia punta e l’unico modo per sbarazzarvene è accorciando, anche di poco, la vostra barba.

barba curata, bella, morbida, folta, corta, lunga, beard, full, short, long, beauty, cura, fashion, health, moda, oil, olio, balsamo, balm, prodotti, routine, salute, shampoo, soap, style, tip, guida, tutorial, baffi, manubrio, mustacchi, moustache, barbacurata, curata, barbershop, barba rovinata

Barba curata e definita grazie a Philips e la guida laser?

Ci siamo sempre trovati molto bene con i regolabarba della Philips, sia quando li usavamo per accorciare la barba, sia adesso che li usiamo solo per definire i contorni.

In particolare il Philips Series 9000 è dotato di un rifinitore di precisione, molto utile per curare i minimi dettagli, ha 17 impostazioni di lunghezza, è 100% impermeabile, così da poterlo pulire facilmente sotto l’acqua e ha un’autonomia di 80 minuti.

Oltre a tutte queste caratteristiche, vanta anche la presenza di una guida laser, che, a essere sinceri, abbiamo trovato molto meno utile di quanto gli spot pubblicitari  (ritoccati ad hoc) vogliano farci credere, anzi forse pure un po’ fastidiosa. Se proprio avete bisogno di una guida per pulire guance e collo, provate uno dei pettini The Beard Black o MyCarbon.

Alle fine dei conti, comunque, questo regolabarba è un ottimo prodotto, non ne resterete di certo delusi. Se volete maggiori informazioni, leggere altre opinioni o acquistarlo, potete andare qui: Philips Series 9000 con guida laser e rifinitore di precisione. Se invece volete saperne di più sui regolabarba in generale, andate sulla nostra pagina dedicata!

Beard Balm di Dr K

Oggi parliamo del balsamo per barba di Dr K. Non è un caso che lo facciamo proprio ora che finalmente è tornato il caldo, infatti, come tutti gli altri balsami, anche questo tende a diventare duro come un sasso con il freddo… e noi siamo troppo pigri per riscaldarlo a dovere e poi usarlo.

Il vantaggio, però, è che è ottimo per disciplinare e mantenere in ordine la barba, molto più dell’olio. Inoltre, grazie ai suoi ingredienti, nutre, non unge e ha un buonissimo profumo di menta piperita, che dura per tutto il giorno. Potete applicarlo sulla barba dopo l’olio o usarlo in sostituzione a quest’ultimo, come facciamo noi di solito.

Dr K. - Menta Piperita

Dr K – Menta Piperita

Il voto di barba curata: 5

 

Come regolare la barba da soli

Ottimi suggerimenti su come regolare la barba. Attenzione, il nostro primo consiglio è sempre quello di rivolgerti a un professionista, soprattutto se non sei molto esperto, altrimenti c’è il rischio di creare danni irreversibili alla tua barba, sii cauto! Leggi qui quali sono gli errori più comuni quando si regola la barba da soli.

Non tagliamo mai la barba da bagnata, perché potremmo dare una forma non corretta.

Shampoo per la barba di Mr Bear Family

Lo shampoo di Mr Bear Family è un ottimo prodotto per la barba, che, in modo delicato, svolge egregiamente la sua azione detergente. Usandolo la vostra barba sarà sicuramente più morbida e il vostro viso meno irritato.

La nota dolente è il profumo. Noi abbiamo provato la versione Citrus e, a differenza di altri saponi (tipo il Beard Soap di Dr K), questo ha davvero il profumo di agrumi, che, per quanto ci riguarda, non è il massimo. Non è nulla di terribile, anzi, se è quello che state cercando non fatevelo scappare!

Nel complesso siamo rimasti abbastanza soddisfatti e, data la qualità molto buona, sicuramente in futuro proveremo anche i profumi Wilderness e Woodland.

BarbaCurata - Mr Bear Family - Beard Wash - Shampoo

Mr Bear Family – Citrus

Il voto di barba curata: 3.5