La silenziosa ma importante scadenza dei prodotti per la barba

Uomo accarezza la sua barba

Abbi buona cura del tuo corpo, è l’unico posto in cui devi vivere

così con molta assennatezza sosteneva lo speaker motivazionale statunitense Jim Rohn. Come dargli torto…

Se in questo momento provi a dare un’occhiata al tuo mobiletto del bagno, ci sono buone probabilità che troverai una considerevole quantità di cose scadute.

Proprio come qualsiasi altro prodotto cosmetico, oli, balsami e quant’altro hanno tutti date di scadenza che dovrebbero essere rispettate.

Non solo alcuni degli ingredienti diventeranno rancidi, ma perderanno anche l’effetto desiderato, quindi sarà inutile porli sulla barba e sulla pelle sottostante.

Prima di avventurarti nella parte cruciale di quest’articolo, è importante che tu sappia che bisogna prestare molta attenzione alla durata di conservazione dell’olio per barba, ma non è un azzardo basarsi sulle linee guida generali stilate da Barba Curata per i suoi ingredienti specifici:

  • Olio di jojoba: 5 anni
  • Olio di cocco: 2 anni
  • Olio di semi d’uva: 6 mesi
  • Olio di lavanda: 6 anni
  • Olio dell’albero del tè (tea tree oil): 3 anni
  • Olio di cedro: 8 anni

Sebbene questi componenti non siano nocivi per la pelle o i capelli, non è consigliabile applicarli dopo la data di scadenza.

Applicare il vecchio olio per barba sarà totalmente inefficace e inutile nonché possibilmente dannoso, quindi assicurati di utilizzare prodotti in buone condizioni.

Imparare quanto spesso usare il balsamo per barba è fondamentale. 

Ci sono oli per barba di varia qualità sul mercato, ma quelli migliori sono realizzati con ingredienti come burro di karité e cera d’api, che molto spesso si rivelano più morbidi sulla barba ma hanno maggiori probabilità di scadere prima.

Ecco alcuni ingredienti comuni del balsamo per barba e le loro date-guida di scadenza:

Per altri prodotti per barba, queste sono le linee guida generali per la scadenza, ma l’approccio migliore come sempre è leggere l’etichetta e seguirne i consigli:

Shampoo e balsamo per barba: sono tra alcuni dei prodotti cosmetici più duraturi, quindi si possono mantenere fino a tre anni prima che smettano di essere efficare.

Rifinitori e rasoi elettrici: se uno di essi funziona ancora meccanicamente, si dovrebbero cambiare le lame o gli accessori ogni pochi mesi o secondo necessità per mantenerli affilati.

Spazzola per barba: una spazzola per barba durerà un paio d’anni con un uso quotidiano regolare. Se si nota che le setole iniziano a dilatarsi o si consumano, è il momento di sostituirle.

I marchi costosi durano più a lungo?

No. In effetti, alcuni di essi sono tra quelli che si degradano più celermente. 

Cos’è Il PAO (Period After Opening)?

PAO: period after opening

Il simbolo del periodo dopo l’apertura o simbolo PAO è un emblema grafico che attesta la vita utile di un prodotto cosmetico dopo la prima apertura della confezione. 

Il periodo dopo l’apertura si riferisce all’intervallo di tempo durante il quale un prodotto resta idoneo all’uso dopo l’apertura del contenitore principale.

La “data di scadenza” di un prodotto è la stessa del suo periodo dopo l’apertura?

No, ovviamente sono due concetti molto differenti.

Data di scadenza: La durata di conservazione di un prodotto nel suo contenitore primario “non aperto” (se mantenuto nelle condizioni di conservazione indicate sull’etichetta del prodotto).

Periodo dopo l’apertura: Il periodo di tempo durante il quale un prodotto rimane idoneo all’uso dopo che il suo contenitore principale è stato aperto (se mantenuto nelle condizioni di conservazione indicate sull’etichetta).

Come posso far durare più a lungo il mio olio da barba?

Il fattore più rilevante in questa circostanza è la corretta conservazione. 

Il consiglio di Barba Curata è di tenere l’olio da barba a temperatura ambiente, sapendo che una stanza fredda è preferibile a una stanza calda.

Quando tieni l’olio per barba in una stanza calda o alla luce diretta del sole, gli ingredienti si sviliscono molto più rapidamente. È lo stesso motivo per cui si mettono i pomodori in frigorifero invece che nel cesto delle mele. Il calore può essere gradevole sulla pelle, ma infiacchisce ininterrottamente le cellule di qualunque cosa colpisca.

Un’altra cosa che danneggerà l’olio da barba è non tapparlo dopo averlo utilizzato. Questo apre l’olio a batteri e altri invasori. 

La ricchezza dell’utilizzo del frigo

Taluni prodotti funzionano meglio se conservati in frigorifero a causa della temperatura fresca. Libera un po’ di spazio nel tuo frigorifero solo se utilizzi oli per barba contenenti retinolo o vitamina C, visto che la temperatura fredda nel tuo frigorifero renderà più lento il processo di invecchiamento di questi prodotti. 

Tieni a mente che per “frigorifero” s’intende il “frigorifero”: creme idratanti, lozioni e balsami possono diventare deboli se custoditi nel congelatore. 

Se vuoi esagerare, puoi addirittura comprare un mini frigo apposito per conservare i tuoi prodotti per barba, ne trovi di tutti i tipi su amazon!

Il mobile da bagno è sicuro?

In ogni caso no. Il vapore della doccia si deposita sui cosmetici e altri prodotti di bellezza e può cominciare a dare forma a muffe. Evita di tenere cosmetici nel mobile del tuo bagno dal momento che è un terreno fertile per i microbi. 

Conclusione

L’olio da barba scade, è una legge della natura. Ma questo non significa che da esso non puoi trarne il meglio. All’opposto di acquistare parecchi cosmetici in una volta, acquistane due o tre al massimo. Questo ti darà alcuni cosmetici svariati per la tua barba e molto spazio per giocare con il tuo profumo.

Conserva l’olio per barba, senza banali errori, attenendoti alle regole e acquistalo solo quanto potresti utilizzarlo in un intervallo da sei a dodici mesi. Se rispetti queste norme, la tua barba, oltre a farti fare un figurone quando uscirai il sabato sera, avrà tutte le carte in regola per finire come esempio sul nostro blog!